Che scioperino a casa loro.

Sarei molto curioso di vedere le reazioni ad uno sciopero generale come quello dei francesi, qualora dovesse capitare qui.
Che ti fai tre ore di coda per arrivare al lavoro, che resti una notte senza corrente elettrica, che l’80% dei treni non viaggiano, oppure, peggio, che ti bruciano il cassonetto dei rifiuti proprio sotto casa, magari di fianco alla macchina.
Per carità, le ragioni delle sciopero possono pure essere condivisibili, ma chissà se tutti quelli che hanno inneggiato alle “palle” dei transalpini nel ribellarsi alla riforma delle pensioni avrebbero un punto di vista diverso, se la protesta li avesse toccati nel vivo della loro quotidianità, danneggiandoli in qualche modo.
Non lo so, ma penso che lo sciopero generale dei francesi sia stato mitizzato da molti perché tanto lo hanno fatto in Francia.